problemi gnatologici
problemi otorinolaringoiatrici
problemi di vista
problemi articolari
problemi muscolari
le parafunzioni
le cefalee
le sindromi posturali
il russare
apnee notturne SilveSnore
le apparecchiature diagnostiche
problemi ortodontici
fitness
i bite
SilveSplint


Apnee notturne SilveSnore

Il problema delle apnee notturne viene ogni giorno sempre più messo sotto attenzione
Cosa è una apnea notturna?
È  l’arresto della respirazione a causa del rilassamento della lingua e del velo pendulo che bloccano le vie aeree. Il paziente smette di respirare per 15, 20, 30, 60, 120 secondi e poi ha un microrisveglio con una respirazione forzata tipo un rantolo o una forte russata, per poi respirare per un po e ribloccarsi nuovamente. Ci sono persone che superano le 60 apnee all’ora!
Le OSAS (Obstructive Sleep Apnea Syndrome) si dividono in
lievi (5-15 apnee/ora), medie (15-30) e severe (maggiori di 30).
Quali sono le cause?
Dal punto di vista medico, va consigliato il dimagrimento, l’astensione dall’assunzione di alcolici, di farmaci ipnoinducenti e del fumo, specie nelle ore serali, la correzione di una eventuale alterazione endocrinologia, se in atto, una corretta igiene del sonno.  
Quali sono i problemi associati?
Sonnolenza diurna e difficoltà di concentrazione (il paziente non ha un sonno ristoratore)
Aumento pressione arteriosa per aumento compensativo del numero e dimensione globuli rossi
Aumento rischio patologie cardiovascolari
Aumento rischio patologie cerebrovascolari
Riduzione della libido per riduzione dell’ossido nitrico (vasodilatatatore)

Quali sono le terapie?

Attualmente il trattamento più efficace è l’utilizzo di una protesi ventilatoria a pressione positiva continua o CPAP (Continuous Positive Air Pressure), che, attraverso una maschera nasale, consente l'insufflazione continua di aria a pressione positiva durante la notte con possibilità nei casi in cui persiste ipossiemia di un supplemento di ossigeno

Esistono anche innumerevoli apparecchi orali notturni che cercano di impedire la ostruzione linguale portando in avanti la mandibola, i più conosciuti sono Tap, Silensor, Somnomed, Oasys,. Tutti questi dispositivi hanno in comune il difetto di creare un fastidio muscolare e alle articolazioni della mandibola al risveglio, per aver mantenuto una posizione avanzata innaturale
 

Alcuni di questi hanno difficoltà di ritenzione in bocca dovuta alla trazione che fa la mandibola verso l’indietro, a causa del vincolo fra le due parti, che può causare anche un movimento ortodontico indesiderato.

 

Solo Somnomed e Oasys evitano questo perché le due parti superiori e inferiori sono svincolate.

 

Ora è stato ideato un nuovo tipo di apparecchio, il SilveSnore, che ha la caratteristica di essere realizzato solo su una arcata (inferiore), senza protrusione mandibolare, sfruttando l’effetto Bernulli delle vie aeree superiori nasali e inferiori orali, attraverso una programmazione 3D della posizione mandibolare che viene testata prima della realizzazione dell’apparecchio.
L’approccio è differente, perché questa metodica prende in considerazione la stimolazione propiocettiva linguale al fine di non farla collassare indietro

 

e il flusso aereo nasale al fine di ridurne il collasso. Vengono associate a questo dispositivo altre strategie di aiuto, come ad esempio, la posizione del sonno. Un approccio più olistico al problema

 

 

Consigliaci ad un amico!   Aggiungi la pagina ai tuoi preferiti!   Chiedi più informazioni sull'argomento

© 2002-2015 Curatore del sito Dott. Piero Silvestrini Biavati - Partita Iva 02384310104
Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico curante rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento